Elias Faisal AlMulla
Arrestato in Bahrein

Elias Faisal AlMulla è un cittadino del Bahrein.

Elyas Faisal AlMulla è stato arrestato l’11 Maggio 2012 e poi condannato il 5 Maggio 2013 a quindici anni di prigione per accuse di: tentato omicidio, rissa, assemblea non autorizzata e possesso di bottiglie Molotov. Tali accuse sono state mosse solo grazie a false confessioni estorte sotto tortura. Al momento è detenuto nella prigione di Jau, nel sud della capitale Manama. 

Il 13 Agosto 2015 gli è stato diagnosticato un cancro al colon di terzo stadio. È stato trasferito al “Defense Force Royal Medical Services Hospital” senza notificare la  famiglia. È stato operato per rimuovere il tumore maligno e poi gli è stato prescritto un annuale controllo per assicurarsi che il tumore non si ripresenti. Dopo l’operazione è stato riportato subito nella prigione di Jau. 

Tra il 2015 e il 2016, al-Mulla ha ricevuto diverse sedute di chemioterapia, tuttavia, le autorità carcerarie hanno reiterato un atteggiamento di negligenza nei confronti del suo trattamento, il quale infatti è stato interrotto. Successivamente i dottori gli hanno ordinato di cessare le sedute di chemioterapia a causa del suo sistema immunitario troppo debole. 

La salute di AlMulla sta peggiorando considerevolmente, continua a manifestare dei sintomi post-traumatici, come fiato corto, pressione alta, dolore ai reni e parziale perdita della vista. La sua famiglia teme che il suo cancro possa raggiungere il quarto stadio e che AlMulla possa decedere per mancanza di soccorso. 

Nel Luglio 2017, AlMulla ha iniziato a manifestare altri sintomi di scarsa salute, inclusi dolori addominali e rigonfiamenti, dolori congiunti, nausea, vertigini e diarrea. Crede che questi sintomi siano legati al ritorno del suo cancro. Il 20 Novembre 2017, è stato portato dalla prigione alla clinica a causa di questi sintomi. Tuttavia, la sua cartella medica non era nella clinica in quel momento, dunque non è stato visitato da un dottore. Al momento non è ancora stato esaminato. 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *