Sayed Mohamed Alawi
Arrestato in Bahrein

Sayed Mohamed Alawi è un bambino di 14 anni detenuto arbitrariamente nel Centro di Detenzione Giovanile in Bahrein. Le autorità del Bahrein lo hanno lasciato in isolamento per alcune ore prima di processarlo ingiustamente, condannandolo a quasi un anno di prigione per aver partecipato ad una protesta pacifica.

Il 12 Novembre 2018, la polizia del Bahrein si è messa in contatto con il padre di Sayed Mohamed e ha richiesto, senza fornire spiegazioni, di portare suo figlio quattordicenne agli uffici della pubblica accusa. Quando il giorno dopo Sayed Mohamed si è presentato col padre agli uccidi della pubblica accusa di Manama, la polizia del Ministero degli Interni l’ha arrestato, informando il padre che lo avrebbero trasferito al centro di Detenzione Giovanile di ISa Town. Quel giorno il governo ha ufficialmente accusato Sayed Mohamed dei crimini di: assemblea illegale, sommossa e possesso di bottiglie Molotov.

La polizia ha trasferito Sayed Mohamed dagli uffici della pubblica accusa alla stazione di polizia di AlMaarid, per poi interrogarlo per due ore in assenza del suo avvocato. Impaurito, Sayed Mohamed ha confessato di aver preso parte ad un’assemblea illegale, ma ha negato le altre accuse. La polizia lo ha in quindi trasferito nel centro di detenzione giovanile di Isa Town, dove l’hanno lasciato in isolamento per tre giorni. In seguito, a Sayed Mohamed è stato concesso telefonare la sua famiglia, ma non gli hanno consentito una visita familiare per una settimana dal suo arresto.

La polizia ha tenuto Sayed Mohamed in custodia per oltre un mese, estendendo la sua custodia di settimana in settimana. Il governo del Bahrein lo ha processato in tre udienze e, mentre il suo avvocato era presente le prime due udienze, alla terza e ultima non erano presenti per la sua condanna nè il suo avvocato nè la sua famiglia. In aggiunta, Sayed Mohamed non ha mai incontrato il suo avvocato al di fuori dell’aula di tribunale.

Il 6 Gennaio 2019, Sayed Mohamed è stato condannato per assemblea illegale alla pena di sei mesi nel Centro di Detenzione Giovanile di Isa Town, con la possibilità di altri sei mesi in assenza di buona condotta. In seguito, i genitori di Sayed Mohamed hanno chiesto ad un agente della polizia come appellare la condanna, ma l’agente li ha dissuasi, definendo un appello “inutile”. In questo momento, Sayed Mohamed è nel Centro di Detenzione Giovanile.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *